BBM Service ha sviluppato e costruito il primo modulo universale per combinare soffiatrici e riempitrici in una linea PET, di qualsiasi costruttore esse siano anche diversi tra loro.

Il modulo prende il nome di UNICOM perché unifica e combina i due macchinari. UNICOM UC-25 è stato pensato per modernizzare e ottimizzare le linee di imbottigliamento PET, permettendo di eliminare i nastri, ottimizzando gli spazi e riducendo i consumi di acqua ed energia.

Caratteristiche tecniche

  • - Accoppiamento di precisione per adattamento diverse soffiatrici/riempitrici
  • - Trasmissione meccanica ad assi dipendenti da un’unica motorizzazione
  • - Stelle di trasferimento
  • - Circuito idraulico di raffreddamento
  • - Produzione nominale: 25.000 bph

Vantaggi

  • - Si adatta a qualsiasi macchina soffiatrice/riempitrice
  • - Eliminazione nastri tra soffiatrice e riempitrice
  • - Riduzione degli ingombri di una linea
  • - Miglior raffreddamento fondello bottiglia
  • - Risparmio energetico e di acqua

Optional Disponibili

  • - Struttura in acciaio INOX
  • - Cabina ventilatore per pressurizzazione
  • - Regolazioni automatiche nastri aria con motore passo-passo
  • - Chiller reffreddamento acqua

Video

Descrizione

Il combinatore universale consente di collegare una soffiatrice a una riempitrice di qualsiasi costruttore esse siano anche diversi tra loro, l’unico requisito necessario è che siano entrambe macchine di qualità che soddisfino le esigenze produttive del cliente.

UNICOM consiste in un banco finalizzato al trasporto di bottiglie in uscita da soffiatrice verso il sistema di riempimento. Lo scopo è quello di accorciare il tratto di trasporto tra le due macchine in modo da risolvere i problemi legati al trasporto di bottiglie su un percorso particolarmente allungato. Il modulo diminuisce quindi il percorso di trasporto e favorisce il trasferimento delle bottiglie.

I problemi principali che consente di risolvere sono l’ottimizzazione degli spazi nella linea e la riduzione dei consumi di acqua ed energia, la riduzione dei rischi di contaminazione delle bottiglie e, non per ultimo, i problemi di schiacciamento e di distorsione delle bottiglie stesse.

Le nuove esigenze di mercato e di produzione hanno portato alla scelta di bottiglie sempre più green che sono vantaggiose per l’ambiente ma non per la produzione a causa delle nuove caratteristiche degli involucri. Spesso vengono scelte bottiglie realizzate con minor grammatura riducendo la materia prima e quindi anche i costi; essendo più leggere aumentano però il rischio di essere deformate durante il tragitto. Altra tipologia di bottiglie, sempre più utilizzata, è quella prodotta con plastica riciclata, anch’essa però crea problemi con i nastri ad aria, le bottiglie spesso legano tra loro riducendo il funzionamento dell’impianto. Per ovviare a questi problemi il combinatore propone un trasferimento a stella che consente la salvaguardia degli involucri.